• RSS
  • youtube
Home  -  Economia  -  E con il federalismo dalla casa spariscono le 13 tasse

E con il federalismo dalla casa spariscono le 13 tasse

Sugli immobili pesano balzelli calcolati in modo opaco, a cominciare da Ici e Irpef. Al loro posto si annuncia la "service tax". Ma già l'uso dell'inglese è sospetto

E con il federalismo dalla casa spariscono le 13 tasse E con il federalismo dalla casa spariscono le 13 tasse

Tag:  casa extragettito giulio-tremonti Ici Irpef

di Redazione

 

di Gino Pagliuca

Due case di caratteristiche analoghe e distanti magari solo poche decine di metri possono avere, per il fisco, valori assai diversi, che possono tradursi in differenze di migliaia di euro se vengono vendute. Possono pesare in misura molto diversa sui proprietari quando si trovano a pagare tre diverse imposte (registro, ipotecaria e catastale). Gli stessi proprietari possono pagare importi diversi nel caso in cui comprino da un costruttore al quale bisogna versare l'Iva. L'Ici, poi, si calcola sul valore presunto dell'immobile, l'Irpef invece sulla rendita, cioè sul canone di affitto teorico che secondo l'erario si potrebbe ottenere. Quella sui rifiuti è una tassa, quindi dovrebbe tener conto dell'"attitudine" del contribuente a produrre rifiuti, invece si paga a seconda dei metri quadrati, come se i rifiuti li producessero i pavimenti e non le persone...

L'elenco delle assurdità nell'imposizione fiscale sulla casa potrebbe continuare a lungo. Di sicuro la legislazione ha contribuito a rendere opaco un mercato come quello immobiliare che già non brilla per trasparenza. Alla fine il risultato è una congerie di norme farraginose che comunque fanno affluire nelle casse pubbliche un fiume di denaro, come si può rilevare dai dati resi noti dall'Agenzia del territorio sul gettito dei 13 tributi principali nel 2007. In cassa sono entrati 42,8 miliardi di euro, con l'Ici a fare la parte del leone (entrate per 11,4 miliardi); nel computo però entrano anche gli 1,7 miliardi arrivati dalla prima casa, che dal 2008 non è più tassata.

Nelle entrate sono considerate anche voci di entità modesta, come gli 80 milioni di euro dell'imposta di successione, abolita nel 2001 dal secondo governo Berlusconi, anche perché ha sempre reso meno di quanto costasse incassarla, e poi riproposta, sebbene con forti esenzioni, dal governo Prodi. Al computo andrebbero aggiunti anche tributi minori (ma non per chi li paga) come quello ambientale per i consorzi di bonifica.

Il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli ha lanciato, all'interno della riforma federale dello Stato, l'idea di un tributo unico sulla casa gestito dai comuni, la cosiddetta service tax, che sostituisca le imposte attuali. Non sarà facile, perché non tutte e 13 si prestano a essere accorpate. è il caso dei tributi (registro, ipotecario e catastale, Iva) legati alle compravendite e che hanno andamenti molto variabili.

L'idea della service tax non dispiace ai rappresentanti dei proprietari di casa, ma con qualche distinguo. Dice il presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani: "L'uso dell'inglese è sospetto. Tax significa sia tassa, e quindi corrispettivo di erogazione di servizi, sia imposta. Noi vorremmo che si trattasse di una tassa per i servizi forniti dagli enti locali agli immobili e non di un'imposta patrimoniale. Solo mettendo paletti molto chiari è possibile lasciarne ai comuni la gestione, contrariamente sarebbe come spalancare a una volpe la porta del pollaio".

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Speciali

Video Hot