• RSS
  • youtube
Home  -  Economia  -  In Italia aumentano le "ghost-town", le città disagiate

In Italia aumentano le "ghost-town", le città disagiate

Lo afferma un rapporto Confcommercio-Legambiente. Scarse capacità economiche ed occupazionali, pochi bambini e popolazione in calo non solo al Centro-Sud ma in ogni territorio e, nel 2016, 1.650 comuni saranno sull'orlo dell'estinzione

In Italia aumentano le "ghost-town", le città disagiate In Italia aumentano le "ghost-town", le città disagiate
di Redazione

 

Sono raddoppiati, in vent'anni. E non solo al sud.

Sono i comuni disagiati, quelli con scarse capacità economiche ed occupazionali, pochi bambini e popolazione in calo. A fare i conti è un rapporto Confcommercio-Legambiente . I comuni disagiati erano 2.830 nel 1996, sono 3.556 nel 2006 e, prevede il rapporto, saranno 4.395 nel 2016. La maggior parte sono al sud, ma il fenomeno colpisce anche Liguria, Lazio, Val d'Aosta.

Dei 4.395 comuni disagiati che ci saranno in Italia nel 2016, secondo lo studio, ben 1.650 sono destinati a diventare vere e proprie "ghost-town". Città fantasma, cioè a rischio di estinzione, vista la difficoltà a raggiungere la soglia minima di sopravvivenza nelle diverse categorie demografiche, sociali, economiche e di servizi. Si tratta di un quinto dei comuni italiani, i quali coprono un sesto del territorio, e su cui risiede il 4,2% della popolazione, con 560 mila residenti over 65, cioè il 20% in più rispetto alla media nazionale.

In queste ghost-town si registrano numerosi dati negativi: vi lavora il 2,1% degli addetti commerciali, si registrano il doppio delle pensioni di invalidità rispetto alla media nazionale, è sporadica l'opportunità turistica. Vi è infine carenza di presidi sanitari, ma anche del sistema scolastico, sia in termini di studenti che di scuole.

Un'Italia dove si registra la quasi totale assenza di disagio, anzi con punte di eccellenza. È l'altra faccia della realtà dei comuni italiani, così come la disegna il rapporto della Confcommercio e di Legambiente. Si tratta di 2.048 comuni, in particolare lungo tutto l'asse della Pianura Padana, nel Nord Est e in alcune regioni del Centro come la Toscana, Umbria e Marche, dove il territorio, sottolinea lo studio, è riuscito a produrre e a mettere in atto sinergie locali costruendo sistemi-rete, decentramento produttivo, diffusione turistica. Zone nelle quali si registra una diffusione del benessere, anche se in alcuni casi gli effetti potranno essere apprezzati solo nel lungo periodo.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Speciali

Video Hot