• RSS
  • youtube
Home  -  Economia  -  Aziende  -  Start-up, Israele chiama l’Italia

Start-up, Israele chiama l’Italia

In progetto una piattaforma per connettere imprese e centri di ricerca dei due Paesi

Start-up, Israele chiama l’Italia Start-up, Israele chiama l’Italia
La bandiera israeliana vicino al MarcoAurelio a Roma (Credits: ROBERTO TEDESCHI/ANSA)

Tag:  new economy panorama in edicola start up israele

di Annalisa Chirico

In tempi di crisi economica internazionale c’è un paese che ha chiuso il 2012 con una crescita del 3,5 per cento e che continua, nonostante tutto, a investire oltre il 4,5 per cento del pil in ricerca e sviluppo. Un miracolo israeliano al centro della serata organizzata giovedì 14 marzo a Roma dal Rotary club del Campidoglio e da Alé&Partners con un ospite d’eccezione, l’ambasciatore dIsraele in Italia Noar Gilon.

Un popolo di quasi 8 milioni di abitanti, in permanente stato di guerra e privo di risorse naturali, diventa il centro propulsore dell’hi-tech, dove investono le principali aziende tecnologiche del mondo. Il più alto numero di aziende nel Nasdaq, dopo gli Usa, e 5 mila start-up che vedono la luce ogni anno, a fronte di sole 700 in tutta Europa. «La necessità è la madre di ogni invenzione» dichiara l’ambasciatore Gilon. «Essere un paese giovane presenta vantaggi e svantaggi. Da una parte abbiamo puntato sulla new economy all’insegna dell’innovazione. Dall’altra, però, non abbiamo quella rete di imprese che connota invece l’Italia».

Da qui l’idea di creare una piattaforma capace di connettere imprese e centri di ricerca di entrambi i paesi. «In questo modo» spiega Gilon «intendiamo intensificare gli scambi tra le due sponde del Mediterraneo per valorizzare al massimo le potenzialità di ciascuno».

Leggi Panorama on line

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti

Speciali

Speciali

Video Hot